Cartelle > Mirage 2000

Mirage 2000 --- Cartelle

tradotto da BabelFish

< MiG-29 Fulcrum
Mirage F1 >

Mirage 2000

Avendo personalmente concepito un certo numero di aerei dalla prima guerra mondiale, Marcel Bloch, che adottò il patronyme di Dassault dopo la seconda guerra mondiale, diresse i gruppi degli ingegneri che misero al punto la maggior parte degli aerei di prima linea francesi da 1945. l'influenza di questo pioniere dell'aviazione francese, morto nel 1986, rimane ancora molto forti. Trasparisce bene nell'ultimo apparecchio entrato in servizio nell'ambito dell'esercito dell'aria, Mirage 2000, un cacciatore multirôle a profilo in delta dotato di un radar Doppler ad impulsi molto moderno, di un'elettronica aeronautica sofisticata e di elementi aerodinamici nuovi.



Ritorno alla formula delta

Mirage 2000 Se Mirage 2000 è un aereo moderno, o rivoluzionario su molti aspetti, non rappresentano meno alcune similarità con macchine come Mirage III e 5, al profilo in delta e di configurazione monoplace e monoréacteur. Gli svantaggi della formula delle ali in delta (velocità d'atterraggio elevata, lunghe corse di decollo e d'atterraggio ed instabilità agli angoli d'attacco importanti) hanno potuto essere in parte compensati dall'adozione di superfici anatra e di un sistema di comandi di volo elettrici. Questo ritorno al profilo in delta, che è stato reso possibile soltanto dal ricorso a nuove tecnologie, non deve nulla alla nostalgia. Questo tipo d'ala presenta un certo numero di vantaggi rispetto a profili più classici. Un'ala in delta pubblica un più grande spessore alla radice, cosa che aumenta la sua robustezza ed aumenta il suo volume interno disponibile per le attrezzature ed i serbatoi di combustibile. Inoltre, offre la possibilità di ridurre la traccia alle velocità supersoniche e diminuire il carico alaire, con per conseguenza una manovrabilità aumentata.

Un profilo in delta è fornito di elevoni, gouvernes che corrono sul bordo di fuga e che sono utilizzate per il controllo in beccheggio quando sono puntate in modo sincronizzato o in rollio quando sono puntate différentiellement. Quando un aereo ad ali in delta in è tirato su, la traccia aumenta ed il portance diminuisce, cosa che rende necessario utilizzo di tracciati più lunghi ed aumenta le corse di decollo e d'atterraggio. Il ricorso ai comandi di volo elettrici offre la possibilità di fare volare aerei instabili e di ridurre lo sgombro delle gouvernes per gli stessi effetti. I comandi di volo elettrici non convengono completamente agli aerei a profilo in delta. Gli apparecchi che sono forniti di tale sistema sono naturalmente instabili, cioè che il loro centro di gravità è situato bene dietro il centro di spinta. Ma, se sono squilibrati, la loro manovrabilità è migliorata in modo impressionante. I suddetti comandi di volo sono digitalizzati per impedire ogni perdita di controllo in caso d'errore di controllo. Con Mirage 2000, l'esercito dell'aria andava disporre per la prima volta di un cacciatore dotato di comandi elettrici.

Molti utenti stranieri di modelli precedenti di Mirage hanno modernizzato i loro avevamo fornendoli di un'elettronica aeronautica sofisticata e di superfici anatra. La ditta Dassault-Bréguet ha montato tali superfici su uno dei suoi aerei, in questo caso Mirage Milano, verso la fine degli anni 60.

La Milano ha certamente ispirato gli Israeliani quando hanno realizzato Kfir, una versione del Mirage 5 migliorato e dotato di un nuovo motore. Kfir da parte sua, ha spinto i cileni ed i svizzeri a fare montare superfici anatra sul loro Mirage. Stranamente, Mirage 2000 comporta non superfici di questo tipo ma semplici moustaches montate sulle bocche d'alimentazione dell'aria.



Problemi di bilancio

Mirage 2000 Lo sviluppo del Mirage 2000 cominciò nel 1973, anno durante il quale l'esercito dell'aria dut abbandonare il suo programma di aerei di combattimento futuro (ACF) a causa di diverse costrizioni di bilancio. Il progetto del Mirage 2000 era destinato a garantire la successione di diversi tipi di aerei in servizio nell'ambito dell'esercito dell'aria, in particolare del Mirage III, del Mirage F1 e del SEPECAT Jaguar. Il nuovo apparecchio, che si integrava nella classe Mach 2,5 a 3, doveva potere pubblicare un limite massimo operativo situato tra 22.500 e 24.400 m. Doveva essere fornito di un'elettronica aeronautica moderna che include un radar che beneficia di capacità d'illuminazione verso il basso, anche contro obiettivi che evolvono ad atteggiamenti molto bassi. L'aereo doveva essere dotato di comandi di volo e di un reattore di concezione modulare facilmente démontable. Si prevedeva di potere operare a partire da tracciati di 1200 m di lunghezza in carico massimo. Il progetto fu approvato il 18 dicembre 1975, ed una scheda programma fu redatta nel corso del mese di marzo 1976.

Il contratto con l'esercito dell'aria riguardava la messa a punto inizialmente di una versione d'intercettazione e di superiorità aerea, essendo un ordine di cinque prototipi, dunque due modelli biplaces finanziati da Dassault-Bréguet, fatto (i suddetti prototipi furono inizialmente dotati di un reattore SNECMA M53-2 di 8500 kgp). Il primo di quest'apparecchi effettuò il suo volo iniziale a Istres, il 10 marzo 1976, tra le mani del pilota di prova Jean Coureau. Fu in seguito utilizzato per provare i comandi di volo elettrici e determinare le caratteristiche di volo di base. Il secondo prototipo preso l'aria a sua volta il 18 settembre 1978, controllato da Guy Mitraux-Maurouard, e fu usata per i tiri al cannone e le prove d'armamento in tutti i settori di volo. Occorse un certo tempo per condurre a termine questo programma sperimentale, e Mirage 2000 fece una prima comparsa spettacolare alla riunione di Farnborough del 1980 (Dassault Falcon 20 modificato servì anche alle prove d'armamento). Il terzo prototipo lasciò il suolo il 26 aprile 1979, ed il quarto, fornito di un nuovo congedo di collegamento tra le ali e la fusoliera, effettuò il suo primo volo il 12 maggio 1980 da parte sua, il primo biplace preso l'aria l'11 ottobre dello stesso anno, e, poco tempo dopo, fu usato nel quadro di un programma destinato a definire una versione d'esportazione del Mirage 2000.

Le prove del reattore M53 erano state condotte a partire dal 18 luglio 1973 su un banco di prova volante caravelle aerospaziale, e le sperimentazioni a velocità supersonica erano state condotte da un Mirage F1 dotato di un nuovo motore, che aveva preso l'aria per la prima volta in questa configurazione nel corso del mese di dicembre 1974. nel 1980, il M53-2 montati sui prototipi furono sostituiti da del M53-5, che dovevano essere adottati sulle macchine di serie iniziali.



Problemi di radar

Mirage 2000 Se lo sviluppo della cellula e del motore del Mirage 2000 si svolse in buone condizioni, la messa a punto del radar Doppler ad impulso (RDI) che doveva fornire l'apparecchio non andò senza incontrare problemi. Ottimizzata per le intercettazioni a lunga distanza, quest'apparecchiatura equivale a Hugues APG-63 dello McDonnell-Douglas F-15 Eagle.

Fortunatamente per l'esercito dell'aria, una soluzione di sostituzione fu trovata sotto forma del radar Doppler misto (RDM), un'apparecchiatura moderna lavorando in bande I e J e derivato dal Cyrano 500, derivato dal Cyrano che forniscono Mirage F1. La RDM, fra cui la portata e di un centinaio di chilometri, equivale al Westinghouse APG-66 dei F d'inizio di serie; si tratta di un radar efficace e di una grande elasticità d'occupazione, ma che non è così sofisticata come la RDI. Le prove in volo del RDM furono intraprese a partire dal mese di gennaio 1980 a bordo di un avvoltoio; continuarono con Falcon 20 fino a giugno dello stesso anno. Cinque mesi più tardi, in novembre, quest'apparecchiatura fu montata sul terzo prototipo del Mirage 2000.

Le difficoltà della messa a punto del RDI ebbero un effetto negativo su tutto il programma e spinsero l'esercito dell'aria a modificare i suoi piani di rééquipement. Il 10o squadrone, basato a Creil e fornito di Mirage IIIC, era stato scelto all'origine per essere la prima unità operativa da tenere conto del Mirage 2000. in mancanza di disporre di aerei dotati del RDM, lo stato maggiore dell'esercito dell'aria sceglie di fare entrare in servizio nel nuovo apparecchio nell'ambito del secondo squadrone di caccia, una formazione fornita di Mirage IIIE ed incaricata di missioni di superiorità aerea e d'attacco al suolo. La RDI andava essere realizzata sulle macchine di serie a partire dalla fine dell'anno 1986, dopo essere stato sperimentato sul primo Mirage 2000B di serie.



Prime consegne

Mirage 2000 Un primo gruppo di 22 Mirage 2000 fu comandato nel quadro del bilancio del 1980, e l'aereo testa di serie effettuò il suo volo iniziale a Bordeaux Mérignac il 20 novembre 1982. I primi due apparecchi furono consegnati al centro di prove in volo di Brétigny-sur-Orge, nella regione parigina, ed il terzo aereo si è considerato con il centro di sperimentazioni aeree militari di Mont-de-Marsan (CEAM) allo scopo di prove e di trasformazione degli equipaggi. L'1 luglio 1983, il primo prototipo del Mirage 2000 fu dotato del terzo tipo di motore utilizzato sul nuovo aereo, in questo caso la M53-P-2, realizzato in attesa di azionare gli ultimi apparecchi di serie. Il nuovo propulseur fu realizzato per la prima volta su macchine di serie (quelle destinate alla forza aerea indiana) nel giugno 1986.

Nel 1983 e 1984, gli equipaggi ed i meccanici del squadrone 1/2 cicogne e quelli del squadrone 2/2 costa-ma restarono alla CEAM per essere trasformati su Mirage 2000C e su Mirage 2000B. I prototipi del nuovo aereo furono conosciuti sotto la denominazione di Mirage 2000A, anche se non portarono mai ufficialmente questa denominazione, mentre i prototipi e le copie di serie della versione biplace riceverono la designazione di Mirage 2000B. Quanto alla versione di serie monoplace porta quelle di Mirage 2000C. Circa 150 Mirage 2000 è stato comandato dall'esercito dell'aria, mentre i progetti di mercati iniziali riguardavano un totale compreso tra 300 e 400 copie. Le ali sono fabbricate a Martiniac, le fusoliere a Argenteuil, e l'assemblaggio finale e le prove in volo si svolge a Mérignac.



Versione d'attacco

Mirage 2000 Fin dall'inizio del 1979, Dassault Bréguet si era lanciato nello sviluppo di una versione d'attacco della Mirage 2000 destinata a sostituire Jaguar e Mirage IIIE nelle missioni di battitura ad altitudine bassa: le Mirage 2000N. Quest'alternativa, che portò alla partenza la designazione di 2000P (P per penetrazione), rebaptisée 2000N (N per nucleare). Presenta numerose similarità con il biplace Mirage 2000B non beneficia di alcuni rafforzamenti per potere operare vicino al suolo e comporta un'elettronica aeronautica d'attacco moderno e sofisticato.

Dassault Bréguet Mirage 2000N è fornito di un radar cartografico Antelope Uliss 52 e di un nuovo altimetro radar che permette seguiti del terreno automatici a velocità di 1110 km/h, all'altitudine di 60 m. Il primo dei due prototipi dell'apparecchio lasciò il suolo il 2 febbraio 1983, e le consegne alla forza aerea tattica, in questo caso al squadrone di caccia 1/4 del quarto squadrone, sono cominciate alla fine degli anni 80. Mirage 2000N entrerà in seguito in servizio al ritmo di un squadrone all'anno. Il quarto squadrone, basato a Luxeuil, ha abbandonato suo Mirage IIIE, uguaglianza e la prima da tenere conto del nuovo aereo. Mirage 2000N è dotato del missile ASMP (aria-terra portata media), una macchina di crociera supersonica disponendo di una portata di 100 km e di una testata nucleare di 150 kt.



Successo all'esportazione

Mirage 2000 La Francia si è tagliata una bella reputazione di rappresentante di aerei militari sul mercato all'esportazione. Con Mirage 2000, Dassault Bréguet ha guadagnato un nuovo successo in questo settore, ma, per ragioni molto diverse, questo successo non è in base a quello che segnò la carriera del Mirage III, 5 e F1. Presentandosi senza alcuno dubbio apparecchio comune molto di una grande elasticità d'occupazione e di un'efficacia temibile, Mirage 2000 è troppo ingombrante, troppo sofisticato e troppo costoso per interessare un numero sufficientemente importante di clienti in un settore in cui la concorrenza è molto grande.

Il primo cliente all'esportazione dell'apparecchio di Dassault Bréguet è stato l'Egitto e di che ha comandato 16 Mirage 2000EM e quattro Mirage 2000BM nel corso del mese di gennaio 1982. I quattro primi di quest'aerei, fornito del reattore M53-P2, hanno atterrato a Cairo West nel giugno 1982. alcuni dei suoi apparecchi devono essere riuniti dall'industria di Hélouan. L'America latina, che ha comperato numero dell'altro Mirage concepiti da Dassault, ha fornito anche un cliente per Mirage 2000: il Perù infatti ha comandato 24 Mirage 2000P e due Mirage 2000DP nel dicembre 1982. I due primi aerei destinati alla forza aerea péruvienne sono stati consegnati a Mont-de-Marsan agli equipaggi incaricati della loro ricezione il 7 giugno 1985. ma importanti problemi d'ordine finanziario hanno forzato il governo péruvien ha riportato la sua ordinazione a 10 Mirage 2000P e due Mirage 2000DP, alla grande delusione del produttore francese.



Comandi indiani

Mirage 2000 Abu Zabi la cui forza aerea operava già su Mirage 5 e su alfa getto, firmò un mercato che riguarda la vendita di 22 Mirage 2000EAD, di sei Mirage 2000DAD e di otto Mirage 2000RAD, essendo quest'ultimi destinati al riconoscimento. Le 18 copie del secondo gruppo devono essere fornite di rivelatori di radar e di brouilleurs d'autoprotezione forniti dalla ditta italiana Elettronica. Il primo cliente esterno europeo dell'aereo è la Grecia, che ha firmato una lettera di intenti riguardante l'acquisizione di 36 Mirage 2000EGM e quattro Mirage 2000BGM, con un'opzione su 30 altri apparecchi. La società greca Hellenic Aerospace Industry deve fabbricare aerei completi e diversi elementi.

L'India, che ha già acquisito presso la Francia del Dassault Ouragan e Mystère, ha comandato 36 Mirage 2000H e quattro Mirage 2000TH biplaces nell'ottobre 1982 per disporre di cacciatori di superiorità aerea capaci di prendere il cambio del suo MiG-21. Primo Mirage 2000 indiano ha preso l'aria nel settembre 1984, ma il governo dell'India ha abbandonato, a favore del MiG-29 "fulcro", il cui costo è meno elevato, l'idea di fabbricare sotto licenza una quarantina di copie dell'aereo francese. L'interesse che gli indiani dimostrano al Mirage 2000 si è svegliato varie volte, da certamente per indurre i sovietici ad accelerare le loro consegne di MiG-29. La Francia ha offerto all'India, in particolare per il suo programma LCA, alcune compensazioni tecnologiche legate al Dassault Bréguet Rafale purchè questo Stato prevede di costruire Mirage 2000 sotto licenza. Ma le domande indiane in questo settore sono passate da 40 a 16 quindi a nove esemplari.

Mirage 2000 è un aereo alle grandi capacità, robusto, manovrabile, rapido e ben armato. Le sue prestazioni e la sua elasticità d'occupazione gli hanno valso buoni successi all'esportazione, e rimarrà in servizio a nei primi anni dello XXIe secolo. Sotto molti aspetti, quest'apparecchio è uno del più importante realizzato dall'industria aeronautica francese dalla fine della seconda guerra mondiale. Allo stesso tempo spada e schermo della Francia, Mirage 2000 rappresenta un salto tecnologico essenziale, ha lui stesso permettevano in parte l'elaborazione di un'altra realizzazione importante, Dassault Bréguet Rafale.

Destinato ad essere usato in compiti così diversi come la difesa aerea e l'attacco, Mirage 2000 costituirà, negli anni à venir venire, un elemento essenziale della sicurezza della Francia. Sarà utilizzato nelle unità di prima linea dell'esercito dell'aria a nei primi anni dello XXIe secolo.


Fatte scoprire questa località

©2000-2019 Olivier
ogni diritto riservato
CNIL : 844304

174 messages dans le Livre d'or.
854 commentaires vidéos.
Il numero massimo di utenti : 127 il 27 Septembre 2007 à 22:02:33
-- 10 visitatori --

Version Mobile Tweeter Partagez moi sur Viadeo Partagez moi sur Facebook
FR EN DE IT SP PO NL