Cartelle > F-4 Phantom

F-4 Phantom --- Cartelle

tradotto da BabelFish

< F-22 Raptor operationnel
F/A-18 Hornet >

F-4 Phantom

28 ottobre 1985,.11 h 30. Una RF Phantom (serial 68-567) che appartiene al 1st Tactical riconoscimento Squadron dell'aviazione militare US si prepara a prendere l'aria per riempire una missione sopra l'Europa. Tutto ha cominciato alcuni minuti prima, quando, in un riparo indurito della base di Alconbury, i due uomini che costituiscono l'equipaggio dell'aereo hanno preso posto al loro posto prendendo in prestito scale esterne (Phantom di riconoscimento è i soli apparecchi di questa stirpe da non disporre di marchepieds integrati nella fusoliera). I motori sono stati lanciati all'interno del riparo, costruito in modo da resistere all'impatto diretto di una bomba di 227 kg. Questo modo di procedere è stato adottato dall'aviazione militare US, poiché, in tempo di guerra, gli aerei sarebbero portati a lasciare il suolo il più rapidamente possibile, per non offrire obiettivi facili alle armi antiaérodromes che non trascurerebbe di usare il nemico. L'effetto è impressionante. Anche con le sue porte pesanti frontali in gran parte aperte, il riparo è abbastanza profondo ed oscuro perché, lasciandolo, Phantom somiglia ad un mostro prehistorique che esce dalla sua caverna.

A 11 h 40, dopo il passaggio in rivista degli elenchi di controllo l'aereo rotola delicatamente sul tracciato, illuminato dal sole pallido abituale in Inghilterra; portando consegnata detta l'Europa One, fatta di grigio e di verde, e dei segni di colore nero, porta via serbatoi di combustibile di 1.4001 sotto le ali. Quindi si ferma, ed i due membri d'equipaggio aumentano le braccia, per evitare ogni incidente toccando un comando qualunque nei loro abitacoli mentre i gruppi al suolo effettuano le ultime verifiche. Detelles precauzioni non potrebbero essere prese se la base si trovasse esposta a sine attacca aerea dell'avversario.

Questa scena si ripete tutti i giorni a Alconbury, da quando, ci è più di una ventina di anni, l'aviazione militare US vi ha basato del Phantom destinati al riconoscimento. Primo la YRF-4C (serial 62-12200) prese l'aria a Louis santo, nel Missouri, il 9 agosto 1963, tra le mani del pilota di prova di McDonnell, William S. Ross. L'aviazione militare US acquisì cinque cento tre copie di serie dell'apparecchio, ed US marina il corpo comperò quarantasei RF-4B, macchine praticamente identiche alla RF-4C. Simile a quest'ultimo, il modello d'esportazione RF-4E è stato consegnato alla Germania dell'Ovest (88 copie), alla Grecia (8), in Iran (22), ad Israele (12), a Turchia (8) e in Giappone (4). quanto alla Corea del Sud, essa ha certamente tenuto conto di diciannove macchine di seconda mano utilizzate prima dall'aviazione militare US. La RF fu usata in maniera intensiva nel corso della guerra condotta dagli Stati Uniti in Sud-est asiatico nel quadro di riconoscimenti condotti prima e dopo degli attacchi lanciati contro gli obiettivi fortemente difesi del Vietnam del Nord. Questa versione, che rimarrà in servizio probabilmente fino all'inizio del prossimo decennio, da allora è stata completamente riorganizzata e modernizzata in previsione del suo adattamento alle esigenze della guerra elettronica. La RF fornisce molti squadrons dell'aria nazionale Guard e serve anche in unità attive come il 67th TRW, basato a Bergstrom AFB (Texas), il 26th TRW, stabilito a Zweibrücken AB (Repubblica Federale di Germania), il 15th TRW, installato a Kadena, sull'isola di Okinawa, il 16th TRS, di Shaw AFB (Carolina del sud), ed il 1st TRS, di Alconbury. Gli apparecchi destinati a quest'unità sarebbero utilizzati principalmente per missioni di riconoscimento fotografico in caso di conflitto. Ultimo aereo di riconoscimento tattico concepito a tale scopo che serva ancora nella USAF, la RF sarà sostituita a più o meno lungo termine dal F, fornito di carlinghe specifiche e disponendo di tutte delle sue capacità di combattimento aereo.

Abritant da numerosi anni RF-4C Phantom, la base di Alconbury riceve anche, ma molto da meno a lungo, la visita di Lockheed TR-1A, nuovi apparecchi derivati dal U-2 famoso, e di Northrop F-5E Tiger II che appartengono ad un squadron detto di Agressors, utilizzato per l'addestramento al combattimento aereo. Le velocità raggiunte attualmente dagli aerei di combattimento fanno che le basi dei due campi in presenza sono più vicine le une delle altre in tempo di volo, in modo che Alconbury appare, oggi, come una fortezza in stato d'allarme permanente. Reti strette di filo di ferro spinato circondano il perimetro del aérodrome, nel quale i gruppi al suolo e le forze incaricate della difesa si consegnano regolarmente ad esercizi con combinazioni NBC che devono garantire la loro protezione in caso d'attacco nucleare, bactériologique o chimico. L'accento è portato sul risarcimento dei danni causati dall'avversario in occasione di un'incursione aerea e sull'rebouchage dei crateri che sarebbero stati scavati da armi antipistes.



Preparare la missione

Passa in generale un lunghissimo termine tra l'inizio del lavoro di preparazione ed il momento in cui il pilota ed il suo navigatore prendono posto a bordo del loro aereo (nessuno, nell'ambito del 1st TRS, non usa la denominazione ufficiale di Weapon Systems Officer, ufficiale responsabile della messa in azione del sistema d'arma, per designare il suddetto navigatore). Il tempo assegnato ad una missione in tempo di pace è di circa otto ore, di cui tre ritornano al volo propriamente detto. Oggi, l'uscita comincia alle 8, momento in cui il capo di bordo dell'apparecchio prende, nel suo armadio, la borsa che contiene la necessaria comune a tutti i piloti di riconoscimento del mondo. In questo caso, dispone di carte del Regno Unito e del teatro di operazioni europeo, di molti manuali, in particolare coloro che riguardano le procedure di partenza e l'aereo stesso. Meno ad essere laureato del US aviazione militare Academy di Colorado Springs (equivalente della scuola dell'aria in Francia), il capo di bordo non conoscerà certamente il tricheco, tanto che ne possederà un manuale, che potrà essergli molto utile in caso di bisogno. Per scrivere sulle sue carte al 1/50 000, usa lo stesso grande recinto da anni, e ricorre ad una matita grassa per portare le informazioni necessarie sulle carte plastificate. Infine, le posizioni supposte delle località di missili terra-aria e dei cannoni antiaerei sono portate in rosso. Il piano di volo è in seguito messo in una borsa che il pilota porrà dietro lui a bordo dell'aereo.

Appena questa prima operazione ha preso fine, l'equipaggio si rende al posto di comando indurito del squadron, nel quale si trovano le sale di vestire, d'attrezzatura, di briefing, di informazioni e di preparazione. In quest'ultimo, il pilota ed il suo navigatore ricevono i loro ordini, procedura alla quale gli americani hanno attribuito il nome di "Frag" (di Fragmentary Order, un'espressione ereditata della guerra del Vietnam). Nel corso di una stessa uscita, una RF può essere impegnata su molti obiettivi - tre o più a volte - importanti. Si chiederà ad un aereo di questo tipo non di andare fotografare la progressione di una sezione d'infanteria, ma di sorvolare un ponte strategico situato in Europa orientale o un pontone stabilito dalle forze del patto di Varsavia per attraversare un fiume durante un'offensiva. In tempo di pace, i compiti assegnati agli aerei di riconoscimento americani si collegano il più possibile a quelle che loro ritornerebbero in caso di conflitto. Benché la missione di cui parliamo qui si svolge di giorno, gli apparecchi del 1st TRS possono essere portati ad effettuare voli di notte per conto del 2nd Allied Tactical aviazione militare della NATO.

A 9 h 15, l'equipaggio penetra nella sala di informazioni, in cui riceve un certo numero di informazioni così all'obiettivo che gli è assegnato e così alle minacce alle quali potrebbe essere confrontato sul cammino di andarlo e su quello del ritorno.

Una mezz'ora più tardi, i due uomini guadagnano la sala di preparazione, dove procedono allora alla pianificazione della loro missione. Esaminano i termini che utilizzeranno quando comunicheranno tra loro durante il volo e definiscono ciò che dovranno fare se, per occasione, fossero costretti ad espellersi. Qualora tale possibilità si presentasse, il pilota ed il suo navigatore potrebbero utilizzare la radio di sopravvivenza URC-64, che, che dispone di quattro frequenze, permetterebbe loro di conservare il contatto con le unità di ricerca amiche grazie ad una piccola emittente (contrariamente alla PRC-90, utilizzato in Sud-est asiatico, le batterie di quest'apparecchiatura non sono protette contro la muffa). L'equipaggio dispone di due tipi di carte: una al 1/500 000, della parte del continente europeo che devono sorvolare, cosa che permette loro di effettuarli naviga tion a vista fondandosi su un certo numero di punti di riferimenti caratteristici; l'altro al 1/50 000, che sarà usato soltanto all'approccio dell'obiettivo, se l'equipaggio desidera trovare indici particolari, come un edificio preciso o un'intersezione di strade. Oltre a questa pianificazione precisa della strada che prenderanno in prestito, il pilota ed il suo navigatore sono informati delle condizioni atmosferiche, delle procedure d'appello e delle altre missioni che potrebbero eventualmente svolgersi nella zona in cui devono operare. L'appuntamento con una cisterna volante boeing KC-135, che garantirà la loro fornitura in volo, è analizzato in dettaglio (si tratta di una fase molto importante della missione).

Alle 10 e 45, l'equipaggio si rende nella sala di vestire, in cui sono depositati i caschi, le cinture e le combinazioni anti-G. Il nuovo casco HGU-55/P leggero, sviluppato dopo la guerra del Vietnam, è caratterizzato dalla sua comodità e dal suo camuffamento. Quanto alle cinture, che sono dotate di un fuoco, sono collegati alla sede eiettabile ed al paracadute da legami "rapidi", conosciuti sotto il nome di sistema Koch nell'aviazione militare US. Fornita di una tasca nella quale può essere messo un coltello, utilizzato per tagliare le cinghie del paracadute in caso di necessità, la combinazione anti-G è d'altra parte fornita di tasche interne, situate al livello delle ginocchia e dello stomaco, che si gonfiano quando l'aereo è impegnato in una serie di manovre sotto fattori di carico elevati. I fenomeni legati all'accelerazione non costituiscono un problema acuto sul Phantom, ma dei cacciatori così come F-16 Fighting Falcon può inscatolare fattori di carico che il corpo del pilota non sopporterebbe senza la combinazione anti-G.

Dopo avere provato i sistemi di comunicazione e d'ossigeno del loro casco, i due membri d'equipaggio raccolgono le ultime informazioni quindi prendono in prestito il veicolo che deve condurrle al loro apparecchio. Alle 11 e 40, come lo abbiamo detto più su, lasciano il capannone, reattori in marcia, ed i gruppi al suolo effettuano gli ultimi controlli. Le tende, attivate da martinetti idroelettrici, sono in seguito chiuse (quella del navigatore comporta due retrovisori esterni, installati sugli importi). Richiedendo una decina di minuti, il roulage fino alla fine del tracciato di Alconbury è seguito da una nuova verifica dei motori e dei sistemi di volo, e, alle 12, quando il pilota lancia le postcombustioni e sciolto i freni, la RF salta sul suo telaio ed inizia la sua corsa di decollo. Scalando sopra i campi che circondano Alconbury, l'aereo si dirige verso l'est, cioè in direzione dell'Europa continentale. Attualmente, i due uomini sono soli, senza arma e senza timore, come lo precisa con orgoglio la valuta degli equipaggi del riconoscimento.



Sistemi di riconoscimento

Benché benefici della possibilità di portare via armi nucleari sul pilone centrale di fusoliera, la RF è un aereo non armato. Prove sono state condotte nel 1983 con Phantom di riconoscimento dell'Air National Guard del Minnesota dotata di missili air-air AIM-9L Sidewinder a autodirecteur ad infrarossi, ma quest'armamento non è stato adottato dall'aviazione militare US, tanto che la RF israeliani rimangono i soli aerei della stirpe da portare via macchine di questo tipo. La RF è dotata di un piccolo radar di naso APQ-99, che lavora in modi cartografico, di seguito di terreno e d'evitabilità di ostacoli. Il resto della punta prima di fusoliera è occupato da macchine fotografiche oblique, laterali e panoramiche. Nella parte inferiore è stato messo un radar a balayage laterale APQ-102, che permette di ottenere un'immagine ad alta definizione di bande larghe di terreno parallele alla via dell'apparecchio. Più dietro è installata un'attrezzatura d'balayage ad infrarossi che fornisce un'immagine termica molto chiara delle stesse zone; ma la dichiarazione secondo la quale le pellicole registrate da una RF possono essere sviluppate al suo bordo è falsa.

I nuovi sistemi di riconoscimento messi a punto dopo la guerra del Vietnam hanno permesso di aumentare le capacità del RF-4C in importanti proporzioni all'inizio degli anni ottanta. Ventiquattro di queste macchine sono state fornite di un'attrezzatura di riconoscimento tattico (Tactical Electronic Reconnaissance, o TEREC) Litton ALQ-125, che situa in modo automatico e con una grande precisione i radar e gli apparecchi di comunicazione ostili. Le emissioni captate sono analizzate da un elaboratore, comparate con dati conservati in memoria e pubblicati su uno schermo di visualizzazione (Hostile Electronic Order of Battle, organizzazione elettronica del nemico) situato nell'abitacolo posteriore. La TEREC è stata concepita per designare obiettivi agli aerei di guerra elettronica F-4G Wild Weasel ed al General Dynamics/Grumman Electric Fox. Messa in servizio nel 1st TRS nel 1985, quest'apparecchiatura ha per principale inconveniente encombrer l'abitacolo del navigatore e ridurre la visibilità.

La TEREC è associata con il sistema di comando di TIR e di designazione a laser Ford AVQ-26 lastrica Tack, che beneficia di capacità qualsiasi tempo abbastanza ridotte ma permette alla RF-4C di illuminare obiettivi per conto di apparecchi forniti di bombe guidate da laser.

La missione che evochiamo qui mira soltanto a riportare fotografie. Phantom è fornito di macchine fotografiche verticali KS-91 e KS-87B, di cui il focales raggiungono rispettivamente 457 e 152 mm, e che lavorano praticamente automaticamente. Quando fu impegnato per la prima volta al combattimento, nell'ambito del 11th TRS (basato a Tan suo Nhut AB, vicino a Saigon), il le` ottobre 1965, la RF doveva effettuare passaggi ad alta velocità ad altitudini superiori a 12.000 m. I successi registrati dai missili terra-aria SUA-2 "Guideline" del nord-vietnamita obbligò gli americani a rivedere completamente le loro concezioni d'occupazione. Sul teatro di operazioni europeo, dove i sovietici allineano missili le SUO-5, alle capacità ancora più considerevoli, missioni ad alta altitudine sono proscritte. L'uscita alla quale assistiamo qui comprende un approccio ad alta altitudine, durante la quale l'aereo deve fornirsi in combustibile, quindi un sorvolamento dell'obiettivo ed un ritorno verso la base ad altitudine bassa. Alle 13 e 10, settanta minuti dopo il suo volo di Alconbury, la RF si dirigono verso il punto d'appuntamento previsto con una cisterna volante KC-135 Stratotanker del 8th Air Refuelling Squadron, a 10.360 m sopra la Repubblica Federale di Germania. Appena giunge vicino alla KC-135, in procinto di orbitare, la RF si allinea sulle pendenze luminose messe sotto il ventre del fornitore. Una volta quest'operazione compiuta, il pilota e boomer (l'operatore di fornitura in volo) restano in contatto radiofonico permanente fino alla fine del trasferimento.



Base avanzata

Le KC-135 sarebbero in grado di svolgere il loro compito in tempo di guerra? Tale è la precisazione che si chiedono gli equipaggi del Phantom di riconoscimento, che sanno bene che la fornitura in volo costituisce una parte fondamentale del loro lavoro. Le cisterne volanti dell'aviazione militare US dipendente dal Strategic Air ordine (SAC) ed i bombardieri che allinea questo grande ordine beneficerebbero, come lo prevede il programma stabilito a tale scopo (Single Integrated Operations Piano), di una priorità assoluta in questo settore in caso di conflitto. D'altra parte, occorre non dimenticare la vulnerabilità estrema degli aerei fornitori di fronte ai missili terra-aria o ai cacciatori dell'avversario. È il motivo per cui un wing di RF-4C è stato realizzato su base avanzata di Zweibrücken, in Repubblica Federale di Germania.

È 13 h 20 quando il trasferimento del combustibile prende fine. Ora, il pilota effettua la sua discesa (in tempo di guerra, attiverebbe attualmente la carlinga di brouillage ALQ-119 di cui Phantom di riconoscimento può essere fornita). La fase detta di combattimento, che consiste nella presente missione nel fotografare un ponte situato vicino alla frontiera con la Germania Est, comincia. L'apparecchio evolvendo a 75 m del suolo, alla velocità di 930 km/h, l'equipaggio utilizza il radar di naso ALQ-99 in modo manuale di seguito di terreno. Essendo la ALQ-99 un'apparecchiatura mono-impulsion, questo modo di procedere potrebbe apparire un po'primitivo; tuttavia dà buoni risultati.

La missione che si svolge in tempo di pace, la RF non scende al di sotto di 75 m un'altitudine. Se un conflitto scoppiasse, gli apparecchi impegnati volerebbero, 80 km circa prima di abbordare il loro obiettivo, molto più bassi. La corsa finale, il sorvolamento dell'obiettivo ed il ritorno si compierebbero a 30 m, a meno se il terreno fosse liberato. Quanto alla velocità, sarebbe certamente superiori a 1.100 km/h. Durante tutto il tempo che dura la presa di fotografie, il pilota ed il navigatore si occupano di individuare in modo visivo le località di missili terra-aria ed i cannoni antiaerei.

La maggior parte delle uscite che effettua il 1st TRS si svolge di notte, e tutte le missioni dovrebbero essere condotte in tali condizioni in caso di confronto tra l'alleanza atlantica ed il patto di Varsavia. Non beneficiando di alcun aiuto visivo in modo di seguito di terreno, il pilota dovrebbe tuttavia volare ad un'altitudine un po'più elevata soltanto di giorno. Durante la corsa finale, succede spesso che il navigatore si assuma l'uso dei comandi dei gas, mentre il pilota si concentra sul capo e l'altitudine. Questo metodo, che sembra dare risultati eccellenti, permette di ottimizzare il tempo passato sopra l'obiettivo e riportare fotografie molto di grande qualità.

In tempo di guerra, l'equipaggio avrebbe la possibilità di contattare per radio le forze amiche per loro communi quer delle informazioni vitali. Se le necessità del momen I esigessero, potrebbe anche essere incaricato di operare su ui obiettivo secondario prima di riacquistare la sua base, a conditioi certamente che questa non sia stata distrutta. Qualora 1 tracciato di Alconbury fosse stato danneggiato, il pilota per rait utilizzare il suo paracadute di frenata ed il suo bastone di sentenza. S principale preoccupazione sarebbe allora di guadagnare il centro d'interpretazione fotografica, dove le pellicole riportato sarebbero sviluppate ed analizzate da specialisti. Alcon bury è il solo aérodrome della NATO da disporre di uno PI) (photo Interpretation Facility) protetto contro i bombar dements e le emissioni elettromagnetiche. Terminando la presente missione, la RF atterra a Alconbury intorno a 15 ore e viene a fermarsi ad una trentina di metri del centro d'interpretazione. Attualmente, uomini che appartengono ai gruppi al suolo del squadron si precipitano verso l'apparecchio per estrarre le casse di pellicole delle macchine fotografiche e portarle via al laboratorio. L'equipaggio dovrà in seguito dedicare un tempo importante al débriefing per spiegare i minimi dettagli della sua uscita e segnalare ogni anomalia che avrebbe constatato. In realtà, appena le pellicole riportate avranno iniziato ad essere esaminate da molto vicino dagli specialisti interprétateurs, la missione del RF-4C avrà preso fine.


Fatte scoprire questa località


©2000-2018 Olivier
ogni diritto riservato
CNIL : 844304

175 messages dans le Livre d'or.
854 commentaires vidéos.
Page générée en 0.006381034851s.
Il numero massimo di utenti : 127 il 27 Septembre 2007 à 22:02:33
-- 1 visitatori --

Version Mobile Tweeter Partagez moi sur Viadeo Partagez moi sur Facebook
FR EN DE IT SP PO NL